Vai ai contenuti della pagina,

Impianti RETE ANTIGRANDINE

Impianti STRUTTURA PIANA, CAPANNINA, V5

La difesa attiva mediante reti antigrandine, diviene sempre più fondamentale come unico mezzo per garantire la produzione e la commercializzazione di prodotti di elevata qualità. Solo in questo modo diventa possibile raggiungere quote di produzione elevate e garantire il mantenimento di quote di mercato con prodotti agricoli di prima scelta.
Idrologica si prende cura dei vostri frutti progettando e installando impianti a rete piana, a capannina, V5 e loro varianti, per adattarsi megli alle vostre esigenze.

STRUTTURA PIANA

il sistema antigrandine " a struttura piana" è il più utilizzato per la protezione delle colture dalla grandine.

la sua realizzazione, oltre a essere relativamente semplice, risulta essere la più economica; inoltre la gestione di chiusura ed apertura della rete richiede minori tempi e quindi minori costi di manodopera.

L'impianto viene prevalentemente realizzato con pali in cemento precompresso ad una distanza di circa 8 metri e con una altezza fuori terra di cica 4metri. i pali sono collegati longitudinalmente e trasvrsalmente con fili e funizincate ben fissate agli ancoraggi distribuiti su tutto il perimetro della struttura. La rete viene positizionata sopra al filo di colmo e la fune trasversale come sopra la rete. In caso di grandinete eccezionali, può verificarsi un sovraccarico di pesoe carico dell'intera struttura a causa della scarsa capacità di scarico della grandine. Per questo il sistema viene consigliato per sistemi a sesti interfilari fitti.

CAPANNINA

L'impianto antigrandine è il PRIMO sistema ideato per la difesa delle piante dalla grandine. Il suo utilizzo, grazie alla maggior altezza dell'impianto, è consigliato nelle colture a forma espansa.

Il sistema viene prevalentemente realizzato con pali in cemento precompresso ad una distanza di circa 10 metri e con un'altezza fuori terra superiore ai 4 mt. I pali sono collegati longitudinalmente e trasversalmente con i fili e funi zincate ben fissate agli ancoraggi distribuiti su tutto il perimetro della della struttura. La rete viene posizionata sopra il filo di colmo e la fune trasversale corre sotto la rete. Nonostante l'inclinazione della rete di circa 65°, in caso di grandinete eccezionali possono formarsi delle sacche ove si deposita la grandine, con conseguente aggravio di carico all'intera struttura.

V5


L'impianto antigrandine V5 è stato sperimentato recentemente per risolvere il problema dello scarico a terra dei chicchi di grandine.

E' una evoluzione del sistema a rete piana per cui resta invariata disposizione dei pali, ancoraggi dei fili e delle funi. In questa struttura la rete viene tenuta in tensione con elastici tra un telo e l'altro a formare una V al centro dell'interfila.

In questo modo tutta la grandine viene convogliata al centro del filare ove in una specie di imbuto si favosisce lo scarico a terra dei chicchi.

Trova utilizzo in tutti i tipi di colture, con distanza tra i filari superiore ai 3,5 mt ed altezze fino a 5 mt.

La realizzazione è più complessa rispetto agli altri impianti per la PRESENZA DEGLI ELASTICI ( meno rispetto a quello a capannina). nella gestione annuale le operazioni di apertura e chiusura della rete richiedono tempi maggiori, rispetto al sistema a rete piana.