Vai ai contenuti della pagina,
RETE ANTIGRANDINE V5 RETE PIANA

PROTEGGI IL TUO PRODOTTO CON LA RETE ANTIGRANDINE

In tempi come i nostri, in cui i cambiamenti climatici hanno stravolto le regole tradizionali della coltivazione , ogni agricoltore deve difendere la proprie culture dal rischio causato delle intemperie.


La grandine è l’esempio più tangibile: nell’arco di pochi minuti può irrimediabilmente danneggiare l’intero raccolto e compromettere la redditività per gli anni avvenire.


Per poter coltivare con tranquillità e la sicurezza di ottenere una produzione di qualità e per salvaguardia del capitale investito, le coperture contro gli agenti atmosferici sono diventate realmente indispensabili. Idrologica può essere orgogliosa dell’esperienza pluriannuale acquisita nel consigliare ai suoi clienti il sistema V5 e per la fornitura del materiale per la realizzazione delle reti piane, capannina, coperture per la pioggia (ciliegio) e per il sole, consiglia il sistema “SIKURO”.


Quest’ultimo è una tensostruttura costituita da sostegni verticali, collegati tra loro da cavi e fili d’acciaio e tenuti in tensione da appositi ancoraggi infissi nel terreno. Sopra viene stesa la rete che avrà la funzione di coprire i filari di piante da frutto.


La particolarità sta nel fatto che la rete non appoggia completamente sulla struttura, ma solo sul “filo di colmo”, mentre il cavo trasversale (fondamentale per la stabilità della struttura) vi corre sopra; questa tecnica consente alla rete di scorrere verso il basso quando è sollecitata dal peso della grandine. La sua gestione di chiusura ed apertura richiede minori tempi e minori costi di manodopera.


L’impianto proposto da Idrologica nominatoV5, da anni inserito nelle strategie di Idrologica, per risolvere il problema delle scarico a terra dei chicchi di grandine.


Questa è una evoluzione del sistema a “rete piana” resta invariata la disposizione dei pali ancoraggi fili e funi. La struttura viene tenuta in tensione con elastici tra una rete l’altra a formare una V al centro del filare ove in una specie di imbuto si favorisce lo scarico a terra dei chicchi. Questo metodo richiede tempi maggiori nell’apertura e chiusura delle reti, rispetto alla precedente


Ricordiamo che la scelta del tipo di rete e la sua scelta del colore, è fattore importante per la durata nel tempo ed un ombreggiamento che può arrivare anche al 15%. Le reti nere sono additivate di un elemento anti UV e fili in polietilene H.D.P.E. nero.


I materiali nuovi di reti , ci ha portato ha consigliare anche prodotti come il TITALUX, grazie la trattamento con nuovi filtri UV di ultima generazione ed all’additivazione di molecole di Titanio, resiste meglio al calore e mantiene più a lungo ed inalterate le sue caratteristiche, rispetto alle reti chiare. BAYCO al Titanio, altro materiale innovativo, non arrugginisce, sette volte più leggero dei fili di acciaio, sempre liscio e non da abrasione cattivo conduttore di calore, primo nemico delle reti antigrandini.


Idrologica, è in grado di fornire tutta la consulenza e l’assistenza necessaria alla realizzazione degli impianti, una assistenza completa per l’imprenditore agricolo di ultima generazione.

Uff.Marketing


Foschini Roberto